Le donne che occuparono le terre

A trent’anni di distanza Gisella Modica riprende le voci da lei registrate delle contadine che occuparono le terre in Sicilia. Tra passato e presente, il racconto si intreccia con la sua stessa vita, in un libro emozionante e originale. Storie di lotta e di vita

+ LEGGI TUTTO

Parole come pietre acuminate

Le donne yazide vendute e stuprate, il piccolo Aylan Kurdi raccolto sulla costa di Bodrum, i profughi in marcia da Budapest a Vienna, i bambini soldato di Boko Haram: i versi di Laura Ricci per ricordarci l’orrore e la pietà  

+ LEGGI TUTTO

La poesia danza sui frantumi della tecnologia

La silloge raccoglie poesie di Antonella Bontae scritte nell’arco temporale che va dal 1981 ad oggi. Sono 45 produzioni composte in verso libero e si presentano nella forma di un macrotesto suddiviso in 7 sezioni: Amore, Desiderio, Coppia, Tristezza, Natura, Persone, Malattia e Vita  

+ LEGGI TUTTO

Indicibili fantasie di stupro

In Margaret Atwood la violenza non accade ma respira in molti dei racconti, come latente terrore esistenziale. È una condizione, una possibilità di cui si è consapevoli e di cui si tenta persino di ridere. È appena stato ripubblicato in italiano con il titolo orginale  un libro del 1977 dove Atwood affronta i fantasmi femminili sullo stupro, un testo letto per LetterateMagazine dall'autrice del felice esordio "La grande A"

+ LEGGI TUTTO

La donna che era mia madre

Arriva in italiano il libro che Annie Ernaux ha dedicato alla mamma dopo la sua morte nel 1987. Una donna forte pronta a qualsiasi fatica perché la figlia Annie avesse il benessere e la cultura che lei non aveva. “Il posto” era stato l’addio al padre, ora “Una donna”, in cui la scrittura tenta di conservare la madre, il suo calore, il suo ricordo.  

+ LEGGI TUTTO


PASSAPAROLA: Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinFacebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedin GRAZIE ♥