Nove racconti per nove donne

di Laura Marzi, 30 dicembre 2016

“Le femmine sono numeri dispari” è una raccolta di racconti scritta da Francesca Tilio e pubblicata da Erga edizioni. Si tratta dell’opera prima di un’artista che dopo un debutto come attrice e poi come regista teatrale, si dedica ora principalmente alla fotografia. Nel testo, infatti, dopo il settimo racconto compaiono foto dell’autrice, che poi danno di nuovo spazio alla scrittura per gli ultimi due pezzi dello spartito che compone il volume. L’idea dello spartito nasce sia perché ogni racconto, come è esplicitamente indicato, è stato ispirato da un brano musicale, sia perché i titoli delle storie raccontate rimandano ad una partitura del testo, nel senso etimologico della parola. In questo caso l’insieme è costituito dal numero 9 e ogni racconto è una parte del tutto: Uno di nove; Due di nove; Tre di nove, etc…
Che cosa lega, però, le parti di questo insieme, fra loro?
I nove racconti narrano storie completamente diverse: si spazia dall’atmosfera di psycho thriller in Uno di nove, alla luce piena e calda di una giornata estiva in cui due sorelle decidono di compiere insieme un pellegrinaggio “laico” perché una delle due ritorni a vivere un amore romantico.
Le forme narrative anche sono varie, tanto che uno dei racconti è un elenco di descrizioni di persone accomunate solo dal loro nome, Francesca, che coincide con quello dell’autrice, che qui si svela adottando una prospettiva autobiografica.
Francesca, però, sa smettere molto facilmente di essere se stessa, mettendosi, per esempio, nei panni di una donna sola, che fa un lavoro che non ha scelto e che non ama, un lavoro che comunemente associamo ad una forma di vocazione: la fioraia. In questo caso, però, la protagonista di “Due di nove”: “non ero affatto brava con le piante”, all’origine lavandaia si era trovata, per ragioni di bisogno, a lavorare invece in una serra. E così come le è capitato un lavoro che non le si confà, le succede anche, a causa dell’abitudine di stendere i panni ogni giorno alla stessa ora, di vedere un uomo alto tutte le mattine camminare sotto il suo balcone. Sempre con la stessa manifesta assenza di senso, inizia a succederle anche di scendere in strada e di guardarlo mentre passa, poi, di invitarlo a bere un caffè e dopo anche di farci l’amore. La mancanza di volontà non sembra però funzionare come antidoto al male d’amore, perché la fioraia svogliata si trova a vivere consumata dalla voglia di uno straniero sconosciuto, perduto, come invece non si perdono le abitudini di tutti i giorni.
L’autrice sa condurci anche in un’atmosfera tipo Gattaca (Andrew Niccol, 1997) al netto, però, di esperimenti genetici: in un “blocco”, vale a dire un edificio enorme e compatto, in cui le persone possono decidere di vivere, ma non possono scegliere di andarsene, che le separa dall’aria, dagli altri e dalla possibilità di sentire sul viso la neve quando cade.
Come quando scatta delle fotografie, Francesca Tilio è in grado di condurci e di mostrarci con le sue storie i contorni, la luce e le ombre di vite disparate, dimostrando chiaramente come a caratterizzare le giornate e i destini siano davvero e per lo più le forme delle stanze, dei palazzi che vediamo ogni giorno, i colori del cortile sotto casa, che si imprimono nella nostra mente come tinte dell’immaginario, determinando i nostri sentimenti via via e ogni giorno per sempre.
A legare quindi fra loro questi nove racconti di storie così diverse è proprio la voce narrante, che è sempre in prima persona, è di donna, è sempre l’occhio di Francesca che guarda e fissa mille cose per restituircele esteticamente compiute.


Francesca Tilio, Le donne sono numeri dispari, Genova, Erga, pp. 113, euro 15,00

PASSAPAROLA: FacebooktwitterpinterestlinkedinFacebooktwitterpinterestlinkedin GRAZIE ♥
The following two tabs change content below.

Laura Marzi

Nel mese di Gennaio 2012 vinco una borsa di ricerca del Fondo Sociale Europeo. A novembre 2015 concludo il dottorato in Studi di Genere e Letterature Comparate, presso l’Université Paris 8 Vincennes – Saint Denis. La mia ricerca, svolta sotto la direzione delle professoresse Patricia Paperman e Nadia Setti, entrambe appartenenti al Centre d’études féminines et de genre dell’Università di Paris 8 e all’UMR LEGS, tratta della rappresentazione letteraria del lavoro e dell’etica del care. Nel corso del dottorato ho partecipato come relatrice a numerosi convegni e seminari in Europa. Ho contribuito ad organizzare una giornata di studi Care et intersectionalité all’Université Paris 8 il 7 novembre 2015. Contestualmente ho collaborato all’organizzazione del convegno internazionale della Società Italiana delle Letterate : Conflitti e Rivoluzioni, scritture della complessità tenutosi a Firenze nel mese di novembre 2015. Attualmente alcuni miei contributi sono in via di pubblicazione. Ricordo in particolare una ricerca che ho svolto con la coordinazione di Clotilde Barbarulli : La storia delle donne del Giardino dei Ciliegi dal 1988 a oggi che è in via di stampa per la casa editrice Edizioni dell’Assemblea di Firenze.

Ultimi post di Laura Marzi (vedi tutti)

Categorie
0 Comments
0 Pings & Trackbacks

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.