Il planetario della maestra

Giovanna Profumo, 25 giugno 2024

Raffaella Romagnolo racconta di due bambine, un gatto, un borgo dove sfollare e di un grande amore. La seconda guerra mondiale narrata da chi conosce anche la storia locale. “Aggiustare l’universo” è nella sestina finalista dello Strega

di Giovanna Profumo

Adesso che nelle famiglie vanno mano a mano a spegnersi le voci di chi ha vissuto la seconda guerra mondiale sulla propria pelle, la pubblicazione di un romanzo ambientato in quel periodo storico e che possiede la forza di quella narrazione intima è un fatto rilevante. Se poi riesce a tenere insieme, ma su livelli separati, lotta partigiana e Shoah, non si può che ringraziare Raffaella Romagnolo per le pagine che ha scritto, senza stupirsi che sia nella sestina finale del Premio Strega.
Scandito dalla sadica cronologia delle leggi italiane antisemite che si accaniranno su una famiglia ebrea di Casale Monferrato, Aggiustare l’universo racconta di due bambine, una maestra, un gatto, un borgo dove sfollare e di un grande amore. Questo è un romanzo che consegna la narrazione orale al presente e la tiene vivissima a distanza di ottant’anni. Per creare la trama sono necessari studio e ricerca, come solo chi conosce anche la storia locale sa fare.
Il libro della Romagnolo è, secondo me, uno splendore perché può far riemergere anche in chi legge vicende sepolte, narrate da genitori e nonni, come quelle di chi mi raccontava di una coppia di professori ebrei espulsi da scuola, che per sopravvivere davano di nascosto lezioni private nelle famiglie genovesi, e che sarebbero stati inghiottiti dalla fabbrica di morte nazista. O di una donna che ripeteva come un mantra la lista di cose – perfino i materassi! –  da portare in fuga da Genova. Oppure quella di una bambina orfana di madre, accolta per tanti anni in un collegio di suore a Savona, istituto che nascondeva una famiglia di ebrei, tratta in salvo grazie alla raffinata astuzia delle religiose che sapevano condurre le SS in corridoi distanti da chi andava protetto, e ancora l’incredibile storia di un commerciante di pelli che aveva trovato protezione presso una famiglia milanese sfollata in campagna che, quando arrivavano i militari tedeschi a perlustrare la casa, li accoglieva con la loro biondissima e azzurrissima bimba così da distrarli. Il commerciante, una volta terminata la guerra, avrebbe condiviso la sua attività con chi lo aveva aiutato.

Ritroverete in questo romanzo chi vi ha raccontato con esattezza dei bombardamenti alleati su Genova, chi non ha più tollerato sentire parlare tedesco per tutta la propria esistenza. Ritroverete i racconti della Resistenza e i martiri partigiani.

L’universo di Raffaella Romagnolo è un planetario meccanico che la maestra ritrova scassato dalla guerra e che, grazie alle capacità trasmesse dal padre orologiaio, decide di ricomporre per le sue giovani allieve.
L’universo nostro, nel 2024, a distanza di tanti anni, è il tessuto politico, pacifista della Costituente e della Carta dei diritti dell’uomo, che ci siamo lasciati alle spalle e che andrebbe ricostruito adesso, prima che sia troppo tardi.

Raffaella Romagnolo, Aggiustare l’Universo (Mondadori 2023)

PASSAPAROLA: FacebooktwitterpinterestlinkedinFacebooktwitterpinterestlinkedin GRAZIE ♥
The following two tabs change content below.

Giovanna Profumo

Giovanna Profumo (1966) ha lavorato all’Ilva ed è stata delegata sindacale della Fiom Cgil, si è laureata in Storia presso l’Università degli Studi di Genova con la tesi “L’immagine della donna nel cinema italiano del Secondo dopoguerra”. In occasione della mostra genovese “Ragazze di fabbrica”, ha fatto parte del gruppo Quindici Donne e ha scritto il racconto “La Spiaggia” ispirato alla sua esperienza professionale, umana e alla sua militanza sindacale come donna in siderurgia. È stata nella redazione de l’Osservatorio Ligure sull’Informazione, nato nel 2003 per contrastare l’omologazione del sistema informativo, e ha scritto di politica genovese, sanità e occupazione. Dipendente dell’Ilva in AS, oggi lavora a progetto per una biblioteca genovese. Lettrice appassionata, nel 2023 ha pubblicato con Il Canneto Editore “Come si fa”, la sua prima opera narrativa.

Ultimi post di Giovanna Profumo (vedi tutti)

Categorie
One Comment
0 Pings & Trackbacks

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.