In comunione con il non umano

Beatrice Sciarrillo, 5 gennaio 2022

Finalmente ristampati alcuni libri di Leonora Carrington, cui Elvira Seminara ha anche dedicato una biografia. Ribelle all’educazione alto-borghese imposta dalla famiglia, la quindicenne “autarchica, difforme, debordante”, approda a Firenze, dove si appassiona all’arte. Anima del surrealismo, fa un percorso artistico originale

di Beatrice Sciarrillo

Lo ammetto: prima di quest’anno non sapevo chi fosse Leonora Carrington. Sui libri di storia dell’arte, liceali e universitari, non mi sono mai imbattuta nel nome di quest’artista. Tra le pagine di quei manuali voluminosi, nessuna riga era a lei dedicata e nessuno spazio riproduceva i suoi dipinti, mentre, su quegli stessi libri, non mancava mai almeno un capitoletto su Max Ernst, suo compagno di vita, considerato uno dei maggiori esponenti del surrealismo.
Quest’anno, grazie a una serie di iniziative artistiche e letterarie, ho finalmente conosciuto Leonora Carrington. La 59esima Biennale d’arte veneziana, curata da Cecilia Alemani nel 2022, ha tratto ispirazione da Il latte dei sogni, raccolta di racconti per bambini e bambine che la scrittrice inglese, divenuta a quell’epoca madre di due bimbi, scrisse negli anni ’50 del secolo scorso. Quest’antologia vede come protagoniste le figure della trasformazione, la cui presenza metamorfica celebra la comunione con il non-umano, con ciò che va oltre il normale o che viene comunemente ritenuto tale.
Sempre nel 2022 è stato rieditato il saggio di Giulia Ingarao, Leonora Carrington. Un viaggio nel Novecento (Mimesis 2014 e 2022) e la casa editrice indipendente Giulio Perrone Editore ha pubblicato lo scritto di Elvira Seminara, Leonora Carrington. Dea della metamorfosi nella collana Mosche d’Oro, diretta da Giulia Caminito, Viola Lo Moro e Nadia Terranova.
Elvira Seminara, scrittrice e accademica catanese, racconta Leonora Carrington partendo dalla sua infanzia quando Leonora, nata a Lancaster nel 1917, è una bambina “autarchica, difforme, debordante”, che sgomenta i genitori e i maestri con la sua stranezza scandalosa. Fin da bambina, infatti, Leonora Carrington oppone un’audace ribellione all’educazione alto-borghese che la famiglia vuole imporle – il padre, Harold Wilde Carrington, è un ricco industriale; la madre, Maureen, è una nobildonna di origini irlandesi. Dopo essere stata espulsa da diverse scuole conventuali, a quindici anni approda a Firenze, dove si appassiona all’arte astratta, antiscientifica, tardogotica di Paolo Uccello, alla pittura fiabesca di Pisanello e alla rappresentazione grottesca delle figure umane nei dipinti di Bosch e di Pietro Brueghel. Il padre, però, ostacola l’attività artistica della figlia, richiamandola in Inghilterra e commentando in seguito: «Non eri una vera artista – in quel caso saresti stata povera o omosessuale, che come crimini si equivalgono».
Tuttavia, dopo violente e sentite insistenze, Harold Carrington sarà costretto a cedere al desiderio della figlia, permettendole di iscriversi alla Chelsea School of Art di Londra.
Nel 1936, Leonora Carrington conosce Max Ernst, s’innamora di lui e insieme si rifugiano in un casolare isolato in Provenza, dedicandosi totalmente a ogni forma d’arte. Compagna di uno dei massimi esponenti del surrealismo, Leonora Carrington non aderirà mai formalmente al movimento, benché ne rappresenti in fondo l’anima. Il suo sguardo è animistico, incantato, trasognato. Sbirciando il mondo attraverso i suoi occhi, sembra che ogni creatura – un albero, una pietra, una poltrona – possieda più vita, più anima e più senso di un essere umano. Non esistono creature inanimate, creature senza vita. È l’uomo, prepotente e arrogante, che conduce a sé solo la possibilità del vivere. Possibilità che significa, irrimediabilmente, dolore e sofferenza.
Leonora Carrington, che conobbe l’abisso e sperimentò lo sprofondamento nella malattia mentale – esperienza testimoniata nel romanzo breve Down Below (1944) – è ben conscia di come ogni esistenza porti con sé, inevitabilmente, una buona dose di sofferenza e follia e di come la vita vera non risieda sulla superficie della terra, dove noi appoggiamo i nostri piedi, ma sia nascosta dentro le viscere della terra – nei sotterranei, nei pozzi e negli inferi – o su, in un cielo abitato da figure svolazzanti.
Elvira Seminara cuce il ritratto di una donna che attraversò un secolo di guerre, persecuzioni, deportazioni, e che, con quell’immaginazione che il padre Harold definiva “morbosa”, fu capace di «liberare gli elementi psichici dal mondo degli inferi e travasarli in quello dei segni e delle parole». La voce di Leonora Carrington, svalorizzata e messa a tacere da una cultura declinata al maschile, vive e ci aspetta – terribile come solo le cose vere sanno essere – nella sua opera pittorica e scritta.

PASSAPAROLA: FacebooktwitterpinterestlinkedinFacebooktwitterpinterestlinkedin GRAZIE ♥
The following two tabs change content below.

Beatrice Sciarrillo

Beatrice Sciarrillo è nata a Torino nel 1998. Ha studiato Beni Culturali presso l'Università degli Studi di Torino e ha frequentato corsi di Giornalismo Culturale e il corso di editoria della Giulio Perrone editore. Attualmente vive a Roma dove frequenta il Master di scrittura creativa dell'Accademia Molly Bloom. La sua scrittura si nutre della lettura di romanzi di Moravia, Ginzburg, Ernaux, Nothomb ed Elena Ferrante.

Ultimi post di Beatrice Sciarrillo (vedi tutti)

Categorie
0 Comments
0 Pings & Trackbacks

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.