Un soir à l’Opéra

Chiara Mezzalama, 17 marzo 2021

Parigi, 12 marzo 2021  

Esco di casa alle 18.30, mezz’ora dopo il coprifuoco, come fossi una ladra, una criminale. Ecco a cosa ci stiamo abituando, sentirsi in colpa di vivere, di avere un desiderio, una necessità. La metro 3 è vuota. A quest’ora di solito si era schiacciati come sardine e talvolta dava fastidio, l’odore forte di uno, la voce sguaiata dell’altra in lingue sconosciute che tiravo a indovinare. Stasera viaggio con i fantasmi. Esco alla fermata Opéra, piove, i fari delle macchine luccicano sull’asfalto, i cancelli del teatro sono chiusi. Giro intorno a questo edificio monumentale, le cariatidi di bronzo con le braccia alzate illuminano il mio cammino fino all’entrata posteriore, quella degli artisti. Entro. Sempre con una certa emozione in questo tempio pagano. Niente scala monumentale, né ori, né specchi né lustri di cristallo. Uffici, camerini, armadietti, corridoi stretti, scale, salire in questo labirinto fino alla platea. Vuota. Il soffitto di Chagall sopra la mia testa, sogno o son desta? 

Sono qui, ospite privilegiata di una coppia di amici per uno spettacolo a porte chiuse, Le Parc, una coreografia di Angelin Preljocaj del 1994 su musiche di Mozart, creata per il balletto dell’Opéra National de Paris. L’orchestra accorda gli strumenti. L’ouverture è l’adagio della Sinfonia n°36 detta «Linz» in do maggiore K.425. Trattengo il fiato mentre si alza il sipario. Lo spettacolo è un omaggio alla tradizione classica del giardino alla francese e a ciò che nasconde. Aristocrazia, libertinaggio, desiderio. I tre atti sono preceduti da un intarsio contemporaneo, rappresentato da quattro giardinieri in abiti dimessi rispetto al fasto dei costumi dorati e ricamati degli altri danzatori. Alternando astrazione e narrazione, Preljocaj disegna un giardino ideale, luogo di incontri, scaramucce, con l’ironia sempre presente nel suo lavoro che scivola rapidamente nel tragico. I passi a due che concludono i tre atti sono semplicemente indimenticabili. L’ultimo, Abandon, sull’Adagio in fa diesis per pianoforte n°23 in la maggiore K.488 è straziante e meraviglioso. I due danzatori, liberati degli abiti sontuosi sono travolti dal desiderio, avvinghiati, abbandonati l’uno all’altra come da troppo tempo non riusciamo più nemmeno ad immaginare. 

E piango, piango tutte le lacrime che ho in corpo. 

Per i desideri azzerati, per la morte non consolata, per l’impossibilità di curare le nostre ferite con la bellezza. La danza, la musica, il cinema, la scultura, la pittura, il teatro… È da più di anno che non mettevo piede in un teatro e i nostri pochi applausi, una trentina di persone in tutto, non fa che sottolineare il vuoto siderale che si è creato nelle nostre vite. Il problema di noi umani è che ci adattiamo quasi a tutto e possiamo sopravvivere in condizioni assai peggiori di quelle che ci troviamo attualmente ad attraversare. Ma a che prezzo? Come? C’è qualcuno che sta considerando le conseguenze a lungo termine di questa sistematica distruzione del comparto culturale? Queste due ore che ho passato all’Opéra de Paris, guardando e ascoltando la bellezza che gli umani sono capaci di creare, emozionandomi fino alle lacrime, hanno un valore inestimabile. Queste due ore mi riconnettono con la città così grigia e cupa senza i suoi spettacoli, senza i bistrots e la gente ammucchiata nelle terrasses. Mi riconnettono con me stessa, con i miei dolori, il mio lutto, la scrittura. Allontanano la paura che mi assale la notte, nel silenzio del coprifuoco, per noi e i nostri figli e il pianeta tutto intero. L’arte è strumento di lotta contro la morte e proprio adesso che la morte è dappertutto, ne siamo privati. Non ha senso, non è la scelta giusta. Non è così che entreremo in una nuova era. Appena uscita dall’abbraccio del teatro che mi ha accolta, mi ritrovo nella città deserta. Ho paura.

PASSAPAROLA: FacebooktwitterpinterestlinkedinFacebooktwitterpinterestlinkedin GRAZIE ♥
The following two tabs change content below.

Chiara Mezzalama

Chiara Mezzalama è nata a Roma il 28 settembre 1972. Scrittrice, traduttrice e psicoterapeuta, vive tra Roma e Parigi e ha due figli. Ha pubblicato nel 2002 una raccolta di racconti "Regina ed altre finestre", Edizioni Full Color Sound. Ha pubblicato racconti per varie antologie tra cui "Allupa Allupa. Stupore e allarme di 25 scrittori e 25 artisti visivi," Derive approdi, 2006. In settembre 2009 è uscito il suo primo romanzo, "Avrò Cura di Te" per la casa editrice E/O. Ha scritto i primi tre volumi per bambini della collana Perchésì di Edizioni Estemporanee, usciti tra il 2013 e il 2014. Ha scritto con Lidia Ravera e Gaia Formenti il feuilleton "Tre donne sull’isola" uscito a puntate sulla rivista Leggendaria, con la quale collabora, e pubblicato in versione integrale dalla casa editrice Iacobelli, 2014. È membro dell’associazione Piccoli Maestri, scuola di lettura. Il suo secondo romanzo "Il Giardino persiano" è uscito nel 2015 per E/O. È stato tradotto (e censurato) in persiano, in francese e adattato per una versione illustrata "Le jardin du dedans-dehors, Éditions des Éléphants", vincitore del prestigioso Prix Sorcières 2018. Era a Parigi durante gli attentati del 2015 e ha scritto "Voglio essere Charlie: diario minimo di una scrittrice italiana a Parigi" Edizioni Estemporanee. Insegna letteratura presso l’Istituto Italiano di Cultura di Parigi. Il suo terzo romanzo "Dopo la pioggia", edizioni E/O, è stato presentato al Premio Strega 2021. Tradotto in francese e in ucraino, finalista al Prix Cognac per letteratura europea. "Le nostre perdute foreste", edizioni E/O è uscito in ottobre 2023.

Ultimi post di Chiara Mezzalama (vedi tutti)

Categorie
One Comment
0 Pings & Trackbacks

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.