Strenne /2

Loredana Magazzeni 19 dicembre 2018

La storia di una bambina nelle pagine di Franca Rovigatti, una fotografia impietosa degli anni Cinquanta a Roma. E una poeta inglese pluripremiata, Carol Ann Duffy, che sa far rivivere lo spirito autentico e rinnovato delle feste. In prosa e in versi due proposte di Loredana Magazzeni.

L’educazione delle ragazze: Uno dei più bei libri da me letti negli ultimi tempi è La bambina, di Franca Rovigatti. Romana, di famiglia veneta, l’autrice mette in campo e fa rivivere, in pagine piene di ironia e, al contempo, di acuta dolorosa consapevolezza, la sua infanzia di bambina espropriata di se stessa e in cerca di sé, attraverso una prosa zampillante e di ricerca, fatta di flusso di autocoscienza, punteggiatura rarefatta, paragrafi veloci, e incalzata da splendide illustrazioni in b/n dell’autrice. 

Quasi un Giornalino di Giamburrasca al femminile e alla rovescia, a predicare bene e a razzolare male sono, come sempre, gli adulti, nel loro soffocante mondo altoborghese degli anni ’50, il libro si fa racconto godibilissimo, pamphlet sulla solitudine della condizione bambina, in una Roma che si srotola, sotto gli occhi dell’autrice e di noi lettori, nella “grande bellezza” del conformismo familiare, dei nodi irrisolti, della solitudine, del non riconoscimento di sé. La sofferenza di madri e di figlie che, per fragilità, debolezza, depressione, temperamento, non rispettano i canoni del comportamento atteso, è qui delineata e testimoniata, in modo nuovo e senza autocompiacimenti, fino alla condanna alla solitudine o, all’inverso, alla grande definitiva scoperta della propria forza e capacità di creare.

Utile questo libro per noi, lettrici e lettori, come lo sono altri romanzi di donne che hanno scritto della propria condizione di bambine e poi di ragazze (Alice Ceresa negli anni Sessanta, e oggi Elena Ferrante, Roberta Mazzanti, Saveria Chemotti) e della tremenda forza che l’educazione sentimentale delle ragazze richiede, oggi come ieri, per rispondere alla domanda che cosa significhi per una donna trovare la vera sé.

Franca Rovigatti, La bambina,con illustrazioni dell’autrice, Milano, Edizioni del Verri, collana rossa -scrittura e invenzione-, diretta da Milli Graffi, 2018, pp. 123, €14,00

Bio. Franca Rovigatti per trent’anni ha lavorato all’Istituto della Enciclopedia italiana. Nel 1997 ha fondato romapoesia, organizzando l’annuale festival internazionale. Pubblica su riviste e antologie poesie, nonsense e racconti. Nel 1997 pubblica Afàsia, romanzo di fantalinguistica, e nel 2011 modididire, raccolta illustrata di nonsense. Dipinge e realizza oggetti d’arte, che espone in diverse mostre, tra cui: Sotto mentite spoglie, personale, Milano, 2000; Art & Fashion – A Cross Fertilisation, collettiva, Los Angeles, 2003; Tracce & stracci, personale, Roma, 2012; A testa nuda, personale, Roma, 2015. 

Carol Ann Duffy e i suoi Canti

È un piacere entrare nello spirito del Natale, così caro alle diverse tradizioni europee, usando gli occhi, la scrittura e la poesia della pluripremiata poeta laureata inglese, Carol Ann Duffy.E farlo attraverso un piccolo libro (curato dai suoi ormai consolidati traduttori italiani, la ferrarese Giorgia Sensi e il fiorentino Andrea Sirotti) che raccoglie, accompagnandoli a splendide illustrazioni natalizie e a una bella copertina, sette Canti di Natale fra quelli che l’autrice inglese pubblica da diversi anni sul quotidiano The Guardian,pochi giorni prima del 25 dicembre. 

Al consumismo degli oggetti e delle vetrine delle nostre città, Duffy contrappone versi e poesie che recuperano sia le più antiche tradizioni natalizie britanniche rivisitate, sia il senso di una attualissima solidarietà umana che la poetessa unisce a un sentito impegno civile e a una ricerca linguistica sempre colta e raffinata.

Così, nelle sue carole troviamo rivisitazioni di personaggi come quello del vecchio re Venceslao, cui il cuoco prepara un pasticcio straordinario, le cui sontuose descrizioni degli ingredienti rendono più apprezzabile e umana la disposizione del re a dividerlo con il più povero dei sudditi. O il Natale di una nuova animalista Mrs Scrooge, che ha a cuore l’ambiente e la natura, e biasima apertamente il consumismo imperante. 

In un altro Canto di Natale viene rievocato il famoso episodio della tregua fra soldati britannici e tedeschi nella prima guerra mondiale, modello per una auspicabile e duratura alleanza di pace fra i popoli.

I versi della poetessa inglese dipingono, e ci aiutano a prefigurare, un Natale fuori dagli schemi, e ci incantano per la loro effervescente creatività, offrendo al lettore e alla lettrice l’occasione per un’ idea finalmente rinnovata ed autentica di Natività, fatta sì di tradizione, ma anche piena di speranza nel futuro e di solidarietà.

Carol Ann Duffy, Un Natale inglese. Poesie scelte, a cura di Giorgia Sensi e Andrea Sirotti, con illustrazioni di Simone Pagliai, Firenze, Le Lettere, 2018, pp. 109, €14,00.

PASSAPAROLA: FacebooktwitterpinterestlinkedinFacebooktwitterpinterestlinkedin GRAZIE ♥
The following two tabs change content below.

Loredana Magazzeni

Loredana Magazzeni vive a Bologna e si occupa di poesia e di critica letteraria militante. Ha co-curato varie antologie di poesia, fra cui Cuore di preda. Poesie contro la violenza sulle donne (CFR, 2012), Fil Rouge. Antologia di poesie sulle mestruazioni (CFR, 2016), Corporea. Il corpo nella poesia femminile contemporanea di lingua inglese (Le Voci della Luna Poesia, 2009), La tesa fune rossa dell’amore. Madri e figlie nella poesia femminile contemporanea di lingua inglese (La Vita Felice, 2015) e, appena uscita Matrilineare. Madri e figlie nella poesia italiana contemporanea, Milano, La Vita Felice, 2018. È da vent’anni nel Gruppo ‘98 Poesia e nella redazione della rivista Le Voci della Luna. Fa parte del Collettivo di traduzione WiT, Women in Translation, con cui ha curato l'antologia Audre Lorde. D'amore e di lotta. Poesie scelte, Firenze, Le Lettere, 2018.

Ultimi post di Loredana Magazzeni (vedi tutti)

Categorie
0 Comments
0 Pings & Trackbacks

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.