Dare l’addio

Floriana Coppola 23 novembre 2018

Date parole al dolore dice Luigi Cancrini. Trovare le parole per esprimere fino in fondo il nostro malessere e l’angoscia, attraverso un viaggio dentro noi stessi.
A volte alcuni libri sono un viaggio, un’ opportunità, un incontro speciale con delle parti di noi che fanno fatica a mostrarsi. Enza Silvestrini, in questa sua nuova silloge, affronta un tema doloroso e difficilissimo. Coniugare la poesia con l’epica laica del dolore per la perdita. Raccontare come il tempo, che passa e travolge inesorabile ogni cosa, andare contro il tempo che porta a cancellare, fare memoria dei dettagli, degli sguardi, dei piccoli gesti, delle cose minime a cui si aggrappano i ricordi.

cuncta fluunt, omnisque vagans formatur imago

Sono parole di Ovidio, nelle Metamorfosi (XV, 177-8, 184-5, 252-3: “In tutto il mondo non c’è cosa che duri. Tutto scorre, e ogni fenomeno ha forme errabonde”.
poco a poco/ il mondo scompare/ inghiottito dal buio nulla …/ anche i nomi/ tutti i nomi/ quelli delle cose dell’amore, dell’ira o di ciò che resta/  vanno via in qualche botola lontana
Perdita, separazione, distacco, smarrimento, confusione. Tra malattia e morte. Le cose semplici  diventano drammaturgia quotidiana del corpo malato, della mente che si va spegnendosi, nel danno clinico. Il tema della morte e del morire, dimensione scottante e spinosa per il mondo occidentale, scotomizza l’integrità del ciclo della vita, cercando di entrare in contatto con la parabola ascendente e omettendo l’altra parte della ciclicità. Raccontare e raccontarsi,come spiega Duccio Demetrio, è una medicina che lenisce il dolore e ci rende consapevoli della fragilità umana.
mi porto qualcosa che non sia perfettamente franato/   c’è bisogno di una radice da piantare in esilio
la pretesa di esser vivi in questo universo di morti/     incalza lentamente/  imbarcarsi di nuovo e partire
trovare terre da coltivare/  altri uomini da uccidere/   e lasciare traccia di sé
Attraverso questo diario in versi,  Enza Silvestrini affronta con raffinato garbo e immensa delicatezza tutte le fasi dell’elaborazione del lutto. Così il verso si incarna nell’etica del dolore, centro propulsore dell’atto creativo ed espressivo. La scelta del titolo e del testo in quarta di copertina fa capire in modo istantaneo la poetica implicita nella silloge. Controtempo, contro il tempo tiranno che cade come una mannaia sul presente, tagliando il futuro, cancellando il passato. Una parola secca essenziale,  efficace, che passa dall’identità personale a quella duale, tracciando una spirale che abbraccia l’intero cosmo, il gesto particolare che si amplia in una tenerezza universale verso il destino di ogni creatura.
comincia sempre/  con piccoli smottamenti/ perdite di significati/  tenui apparentemente
soffici svagatezze di  Non ricordo/Adesso mi verrà in mente/  cui nessuno vuol dar peso
Restiamo così fermi ad aspettare/    che qualcosa avvenga
Una conversazione intima e sofferta con chi si sta allontanando, per passare in un altrove e nel suo indicibile mistero. Parlare di meditazione  attraverso la poesia non è semplice. Eppure ogni pagina qui traccia un percorso meditativo che rappresenta una strategia poetica di sopravvivenza al dolore della perdita. Il recupero della forza e della tenerezza  rappresenta un ossimoro lirico che diventa programma di resilienza, di resistenza esistenziale, di ascolto delle parti profonde di sé.
si precipita poi/ con un tonfo improvviso/ basta un qualsiasi incidente/ un osso logorato/
una parola inascoltata / si sbriciolano rumorosi/ in questo nuovo continente dove approdiamo/
per effetto di venti contrari/ dall’otre aperto spirano con furia/ e improvvisa quiete / tu resti centro e sei ignota
Il sacro è ancora patrimonio collettivo e condiviso, nel farsi logos che domina e seduce il reale. Un sacro che appartiene all’enfasi della classicità più antica. Non è un caso la citazione di Ovidio prima ricordata e poi dal II libro dell’Eneide.
Animus meminisse horret:  l’anima trema d’orrore nel ricordare
La poesia e la scrittura diventano un atto di resilienza, sopportare il dolore e nel dolore trovare la propria voce. Nella silloge il dialogo tra un io e un tu è un continuum.
Tu diventi una voce indistinta/tra quelle che affollano il mio Ade/ forse sei quella sottile/
che bisbiglia parole confuse/o la salmastra e roca che si confonde coi tonfi del fiore/
sei regolare in ogni tuo eccesso/ rispondi ancora al richiamo del nome
Un linguaggio pienissimo di metafore domestiche che afferiscono al quotidiano, fa da traccia intertestuale per ogni pagina, fino a far emergere un noi, vissuto come una invocazione  intima e spirituale, scrivendo il senso di una pena che ci rende uguali e connessi. Un’ orizzontalità oracolante che non offre risposte ,  ma che vuole porre gli accenti sulla vocazione esistenziale che abbraccia l’umanità nel suo umile porsi davanti alle cose, alle persone, ai corpi.
Dalla cucina alla stanza contiamo venti passi/ riducibili a quindici con un poco di sforzo/
le finestre qui sono tutte sullo stesso lato/ da est a mezzogiorno/ per filtrare sole e pioggia/
ti mostro gli spifferi nel cuore della notte/ che confonde le pareti e i mobili di legno/
pieni di cassetti e lenzuola bianche/ Tu conservi anche quelle strappate?
Non è mai operazione semplice distaccarsi da chi abbiamo amato, dalle nostre radici, dai nostri punti di riferimento primari. Abbandonare ciò che siamo stati, accettare ciò che possiamo diventare, fare i conti con ciò che saremo. Lasciare con la persona che muore una parte di noi che muore con lei, la nostra infanzia, una relazione, un mondo compiuto dalla intersezione di quei due esseri unici e irripetibili. Un cammino doloroso che Enza Silvestrini racconta, e ci rende testimoni accorati di questo ineluttabile strappo. La figlia si trasforma nella madre della madre morente, la madre tornata bambina perché inerme nella dimenticanza e nella confusione.
Sminuzzi il cibo/con tecniche remote/ apprese in tempi di razionamenti/
dici di ricordare/ l’edificio che vi accolse/ tende pentole per la pasta/ giochi furtivi adulti adirati/
il segreto dei nascondigli / degli uomini braccati/ chi tornava restava/
ma nella mia testa si sparpagliano le parole di adesso le parole di allora/ i  dadi vinti dalla nostalgia
Ogni verso ha la forza del canto sussurrato sottovoce, il ritmo dell’inspirazione e dell’ espirazione, il pathos epico della meditazione silenziosa che rafforza. Scrivere per trovare il senso della propria vita, in ogni minimo dettaglio. La segnatura della battaglia della sopravvivenza, insita nella genesi femminile già durante l’infanzia, la ricerca dell’amore come inclinazione al dialogo con l’altro, inteso nella sua declinazione più ampia, l’altro come natura, come altro da sé, come riflessione corale sul disarmo esistenziale.

Enza Silvestrini ,  Controtempo, Oedipus edizioni 2018

Enza Silvestrinivive e lavora a Napoli. Ha pubblicato il romanzo Sulla soglia di piccole porte (lettura critica di Aldo Masullo, disegni di Michele Iodice) Iuppiter, Napoli, 2012 (prima edizione Graus, Napoli, 2008); la raccolta di poesie Partenze (prefazione di Marina Giaveri) Manni Editore (Lecce 2009), con la quale ha vinto, nel 2010, il Premio Poesia “San Vito al Tagliamento”, sezione Opera Prima; il racconto Lido Mappatella, libro d’artista in edizione limitata per Il Filo di Partenope (Napoli, 2012); il libro Diversi amori con le illustrazioni di Barbara Balbi, Iuppiter, Napoli, 2013.
È presente in diverse antologie poetiche e riviste. Ha promosso e animato molti reading di poesia, incontri di lettura, mostre e iniziative culturali. È attualmente redattrice di Levania, rivista di poesia ed è responsabile per la regione Campania del P.E.N. Club Italia Onlus.

PASSAPAROLA: Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinFacebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedin GRAZIE ♥
The following two tabs change content below.

Floriana Coppola

Floriana Coppola Vive e lavora a Napoli, docente di Lettere negli istituti statali superiori, specializzata in Analisi Transazionale e Psicologia Esistenziale, perfezionata in Didattica e Cultura di genere e in Scrittura autobiografica, fa parte della Società Italiana delle Letterate. E’ presente in varie antologie. Le sue opere di poesia: Il trono dei mirti, ed. Melagrana onlus, 2005; Sono nata donna, Boopen Led, 2010; Mancina nello sguardo, La Vita Felice, 2012; Femminile Singolare, Homo Scrivens, 2016; Cambio di stagione e altre mutazioni poetiche, Oedipus, 2017; I suoi romanzi sono: Vico Ultimo della Sorgente, Homo scrivens, 2012; Donna Creola e gli angeli del cortile, La Vita Felice, 2014; Aula Voliera, Oedipus, in pubblicazione. Tra gli altri contributi, nel 2011 ha curato i primi due quaderni antologici di poesia Alchimie e linguaggi di donne Boopen Led/Photocity, l’antologia poetica con Ketti Martino La poesia è una città Boopen Led/Photocity. Nel 2013 scrive con Anna Laura Bobbi la silloge poetica MiticaFutura, itinerari nel mito di ieri e di oggi ed. Dalia. Cura con Lory Nugnes, le antologie poetiche del movimento dei Poeti Viandanti Contatti di/versi e Oltre la coltre di silenzio Ed. Decomporre. Nel 2016 presente con un contributo critico letterario su Claudia Ruggeri nell’antologia curata da Luigi Cannillo Passione Poesia. Letture di poesia contemporanea ed. CFR.

Ultimi post di Floriana Coppola (vedi tutti)

Categorie
0 Comments
0 Pings & Trackbacks

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.